Giorno 09

 In Botswana 2019, Diario di viaggio

Il Botswana gode di un sistema politico stabile e democratico, di un’economia relativamente prospera e prettamente fondata sul turismo ed è ricco di risorse naturali come i diamanti e diverse materie prime. Non è un paese perfetto, ma a 50 anni dalla conquista dell’indipendenza dagli inglesi, il Botswana rimane uno dei paesi Africani in cui si vive meglio con i suoi 2.5 milioni di abitanti circa. La lingua ufficiale è l’inglese ma è molto diffuso lo „tswana“, lingua dell’omonimo popolo e che ha lo status di lingua nazionale. La moneta è il „Pula“ e ad oggi 100 pula corrispondono a 10 usd. La capitale è Gaborone e si stima che ci vivono ca. 250 mila persone.

Come già precedentemente scritto il paesaggio e monotono e molto arido, eccezione per la stagione delle piogge, e soffre da qualche anno di seri problemi di siccità. Non credo vi siano montagne, il paesaggio è selvaggio – ad eccezione d’infinite strisce d’asfalto dai pericolosi contorni simili ad una crosta di formaggio rosicchiata dai topini – ed attraversare il paese in macchina è abbastanza noioso ma necessario per raggiungere i luoghi più gettonati per visitare parchi naturali con safari ed immortalare con magici scatti animali di ogni genere.

Quest’oggi c’è poco da raccontare giacché abbiamo trascorso 5 ore abbondanti seduti in macchina e personalmente con un fastidioso mal di schiena che quasi certamente è nato con il safari serale di ieri e quello di questa mattina dove le impazzite sospensioni del fuoristrada mi hanno gratuitamente fatto, come si dice da queste parti, un bel „African massage“ e che ha strapazzato le mie lombari …

Attorno alle 15.30 abbiamo preso possesso dell’ennesima nostra nuova dimora, il Thamalakane River Lodge, sito poco fuori Maun e di un’eleganza e postazione a dir poco fantastica, se poi a pochi metri dalla struttura ci fosse, al posto di un fiume completamente in secca, un rigoglioso flusso d’acqua abitato da coccodrilli ed ippopotami …, ritengo sarebbe davvero meritevole di ritornarci e per dirlo io che non comprendo le persone che ogni anni vanno sempre nello stesso posto in vacanza … è tutto dire!

Dal nostro elegante lodge abbiamo ancora una volta goduto di un tramonto da cartolina e dopo una ritrovata e confortevole doccia calda, cenetta a buffet dalle discrete qualità culinarie, qualche chiacchiera tra di noi e subito a nanna perché domani inizieranno quattro giorni d’intense attività in due parchi, forse, tra i più rinomati del paese e di cui vi racconterò a tempo debito.

Ora devo dormire perché domani mattina presto ci attende un trasferimento di ca. 90 km, che danno sulla carta, percorribili solo con in 4×4 ed in ca. 4 ore … tanto il terreno sia dissestato! Infine, non sono certo che per le prossime due giornate avrò a disposizione wifi dato che ci troveremo nel Moremi National Park (Camp Okuti) ma certamente martedì sera (16 luglio) riuscirò, se del caso a recuperare, visto che rifaremo tappa qui al Thamalakane River Lodge che gode di una buona connessione.

Un abbraccio e a presto.

Michele

DOD (Dramma Of the Day)
Le parecchie ore di guida ed il mio mal di schiena …

GOD (Gioia Of the Day)
Durante il viaggio odierno abbiamo già discusso su quale potrebbe essere la destinazione del nostro prossimo viaggio che per impegni individuali vari risulta sempre più difficile coordinare. Certamente sarà non prima della prossima estate …

Recent Posts
Comments
  • Antonietta Giordano
    Rispondi

    Un abbracio a tutti, qui tutto ok . Micini questa mattina erano tranquilli in casa perchè questa notte la desiderata pioggia
    a rinfrescato l’aria per tutti.

    A voi ultimi giorni di avventure e tanti auguri. ciao ciao .
    A presto.

Leave a Comment

Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Not readable? Change text. captcha txt

Start typing and press Enter to search