Giorno 15

 In Argentina 2013

Grazie a chi mi ha fatto nascere (ciao mamma! ;)) perché oggi abbiamo vissuto una quantità d’emozioni che difficilmente riusciremo a ripetere e dimenticare. Ritengo che un turista attratto dagli spettacoli naturali qui possa raggiungere una delle tappe più importanti della propria carriera. Forse troppo presto per delle ragazzine di dieci anni … perché ora il problema é cosa fargli vedere? Non di certo la cascata di Santa Petronilla …

Le cascate d’Iguazu, parte Argentina, sono mozzafiato, sono coinvolgenti, sono la forza della natura, sono al di sopra dell’immaginazione, sono l’immenso!

Il parco naturale si sviluppa in tre percorsi:

1) Garganta do diablo (gola del diavolo) che prevede una vista indescrivibile nel punto dove milioni di metri cubi lasciano il letto del fiume per un salto nel vuoto di 80 metri, in pratica ci si trova a pochi passi da un immenso cratere con un frastuono di scrosci e rimbombi che ti penetrano nelle viscere dell’anima;

2) Circuito superior che propone una panoramica delle cascate a mezz’altezza e per la sua massima estensione, da fiaba! Pensate che le cascate su questo lato Argentino sono larghe ben 1.7 km;

3) Circuito inferior che vi mostra quasi tutto quanto dal basso e con una potenza naturale disarmante.

Tutti i percorsi sono caratterizzati da molta umidità nell’aria, quindi parecchia difficoltà a fotografare, e da un clima mooolto instabile, almeno di questi tempi. Infatti ci siamo beccati una serie d’acquazzoni che non hanno risparmiato neanche l’etichetta dello slip. Ma ne è valsa la pena anche se le “girls” hanno sofferto assai il “frio”, in particolare Elisa che da una settimana ha come compagna una noiosa tosse.

Nel primo pomeriggio abbiamo lasciato le gemelle con Silvina, una gentile signora italo-argentina, che frequentiamo da quando siamo arrivati a Iguazu assieme alla squisita amica Alessandra e suo figlio, anch’esso carinissimo, Federico di 13 anni, per fare l’ennesima mattata di questa memorabile vacanza: uscita con gommone tra le cascate per una doccia assolutamente naturale, altra esperienza memorabile!

Rientro alle 17.00 per una super bollente doccia ed ancora una volta cena in albergo con i nostri provvisori compagni di viaggio, infatti domani le nostre strade si divideranno, con la promessa comunque di rivedersi in Europa (Alessandra e Federico abitano a Milano mentre Silvina da poco si è trasferita in Argentina).

Ma ora spazio alle immagini che, sarò ripetitivo, incantano per la loro straordinaria singolarità.

A domani e buona notte.

Besos

Michele

Recent Posts
Comments
  • Luana Agustoni
    Rispondi

    Ciao carissimi,
    che dire…siamo rimasti senza parole…per motivi vari non siamo riusciti ad entrare prima nel vostro diario di viaggio….ma abbiamo appena fatto una ‘full immersion’ di tutte le vostre meravigliose foto e dei vostri commenti…
    Siamo rimasti incantati del vostro spettacolare viaggio, non negando un po’ di invidia…ma grazie per averci permesso di farne parte!!!
    Tra l’altro auguri di Buon Anno a tutti voi…in questo momento siamo sommersi dalla neve a Prato (paesaggio spettacolare…ovvio non paragonabile alle cascate…ma ci accontentiamo :o) …) … è tutto il giorno che sta nevicando….
    Un abbraccio
    Lu, Giorgio, Jasmine e Céline

Leave a Comment

Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Not readable? Change text. captcha txt

Start typing and press Enter to search