Giorno 18

 In Diario di viaggio, Namibia 2016

Giorno 18

Cinque cose che forse non sai:

1) La Namibia ha un territorio pari a 3 volte l’Italia ma con una popolazione di soli 2.4 milioni di abitanti, inferiore a quella della Liguria! È considerato uno dei paesi meno popolato al mondo! Vasta natura!

2) Se la temperatura dell’oceano aumenta a causa di correnti calde e i pesci si spostano, le otarie femmine incinta possono decidere di abortire spontaneamente i loro cuccioli perché si rendono conto che non vi sarà sufficiente cibo per sfamarli. Incredibile natura!

3) L’Etosha National Park è stato proclamato nel 1907 il primo parco della Namibia ed inizialmente contava una superficie di 80’000 km quadrati che si sono poi ridotti, nel corso degli anni, agli attuali 22’912. Preserviamo la natura!

4) Le ostriche si riproducono solo in acque calde (oltre i 18 gradi). L’oceano Atlantico in Namibia ha una temperatura media di 14 gradi, obbligando i coltivatori ad un’iniziale fecondazione in laboratorio. Successivamente l’ostrica baby viene immersa in queste fredde acque, particolarmente ossigenate e quindi ricche di plancton, che permette loro di maturare pienamente in soli nove mesi, contro i normali due anni. Scherzi della natura!

5) L’orice è il più grande mammifero che meglio s’adatta alle zone desertiche e può rimanere fino a sei mesi senza bere acqua, nutrendosi solamente dei liquidi contenuti nella misera vegetazione che trova. Negli anni ha sviluppato una folta striscia nera di pelo, che parte dal cranio e prosegue lungo la colonna vertebrale, con lo scopo d’attrarre gran parte dei raggi solari a cui il corpo è esposto. Ciò gli permette di mantenere una temperatura corporea più bassa. Magnifica natura!

Dopo quattro giorni d’intenso safari all’Etosha ci siamo trasferiti più ad est, più precisamente a Tsumkwe, ad una manciata di chilometri dal confine con il Botswana. Il villaggio è poca cosa rispetto a quello che ci immaginavamo, ma va bene così. Il viaggio è stato comodo per 250 km ma i restanti 240 ci hanno regalato polvere in quantità e tutto sommato meno “scossoni” del solito. Verso le 15.00 gita organizzata per andare a vedere alcuni esemplari di Baobab, piante gigantesche e secolari, tant’è che la più vecchia, ancora vivente, conta 3’600 anni! Abbastanza interessante anche se le due ulteriori ore d’auto fuori strada non ci hanno entusiasmato. Cena al semplice ma pulito Tsumkwe Tucsin lodge e verso le 20.00 tutti a nanna per recuperare quanto più possibile per questo finale namibiano.

A presto ed un abbraccio a tutti da un posto sperduto nel mondo.

Michele

GOD
Sdraiarsi su un letto pulito dopo una doccia calda ed un buon pasto

DOD
Le complessive otto ore di auto

Recent Posts

Leave a Comment

Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Not readable? Change text. captcha txt

Start typing and press Enter to search