Riflessioni finali – Michele

 In Argentina 2013

Carissimi!

negli ultimi 10 mesi abbiamo preso ben 19 volte l’aeroplano percorrendo decine di migliaia di chilometri e toccando 3 continenti del globo, niente male direi! Tutto questo grazie ad un considerevole affiatamento famigliare, diversamente non sarebbe possibile. Le molteplici avventure ci hanno arricchito la testa, il cuore e l’anima, ci hanno aiutato a crescere e ad affrontare sempre meglio il prezioso dono della vita. Non nascondo che per fare tutto ciò ci vuole un discreto conto in banca ed un’adeguata professione, soprattutto per ben gestire una prolungata assenza dal posto di lavoro.

Alla luce di questo non posso che concludere che siamo dei veri privilegiati e qui, permettetemelo, un plauso va a Lorenza ed il sottoscritto per aver impostato gli ultimi 20 anni della nostra vita in maniera ottimale, rispettando con pazienza appropriate scadenze e priorità. Come dico spesso ad amici e clienti la vita, dopo i 18 anni, va programmata a scadenza decennale con obbiettivi basilari come il lavoro, la famiglia, la casa ed i risparmi. Nel proprio orticello ognuno di noi ha generalmente questi elementi, saperli coltivare con perseveranza e buon senso sono sinonimo di meritato successo e di buon raccolto. A mio avviso questi 10 mesi rappresentano l’inizio di un nuovo periodo famigliare, sempre che salute ed armonia regnino in casa, e per questo intendo goderne appieno … ho già in canna la nostra prossima destinazione, ma loro non lo sanno ancora …, in barba a coloro che dicono che l’uomo non porta i pantaloni in casa ;)!

Tra l’estremo nord e l’estremo sud, l’Argentina offre quasi 3700 km e 22 parchi nazionali, un’immensa risorsa tale da garantire a chiunque illimitate emozioni. Il nostro viaggio è stato caratterizzato da infinite sorprese, oltre a quelle classiche e già citate, abbiamo visto in libertà un folto gruppo d’imponenti Condor Pasa, pappagalli verdi svolazzare tra gli alberi come fossero i nostri merli, la volpe della steppa ed asinelli randagi a 3000 metri d’altezza.

Abbiamo conosciuto un pochino il popolo argentino, quasi sempre ospitale e naturalmente disponibile verso il turista, a differenza di noi europei che tutto sommato finalizziamo sempre il nostro servizio al Dio soldo!, spesso senza sentimento. Mi aspettavo di vedere qualche “sgnacchera” come Belen Rodriguez o Gabriela Sabatini, evidentemente tali esemplari esistono solo in TV, o comunque belle donne, delusione! Anche gli uomini non sono un granchè, mi dicono dalla redazione. Nel nord ovest del paese la popolazione evidenziava caratteristiche cilene ed in generale in tutta la nazione la gente è munita di “pancetta”, penso dovuta al tipo di alimentazione. Gli argentini hanno molta pazienza, è assai normale un’ora di fila per ottenere un servizio, forse perché poco curiosi di conoscere il loro futuro da troppo tempo caratterizzato da una delicata condizione socio-economica del paese. Stando alle direttive del nostro ufficio federale in materia turistica l’Argentina è un paese assai pericoloso, in particolare la capitale; sarà perché abbiamo oramai consolidato una certa esperienza o sarà perché la buona sorte ci segue fedelmente, ma non abbiamo mai avuto situazioni degne di nota, nemmeno girovagando fino a notte inoltrata con la vettura nel nord ovest del paese.

Il costo della vita è molto interessante, a Buenos Aires, città tra le più care, una sberla di succulento filetto di manzo con contorno, sovente sufficiente per due, costa tra i 100 – 150 pesos (ca. fr. 11-17) mentre nelle periferie meno turistiche del paese si risparmia ancora un buon 20% e forse più. Ci sono ottimi vini ed il costo medio per una buona bottiglia, paragonabile al nostro Riflessi d’epoca, è attorno ai fr. 15-20. Ma già con 100 pesos si beve bene. La bottiglietta da mezzo litro d’acqua costa 10 pesos (fr. 1.10). Per una buona cena, a base di pesce o carne con bottiglia di vino, spendevamo mediamente da fr. 80 a fr. 100 … non è l’Asia ma neanche l’Europa!

È consigliabile acquistare valuta locale negli hotels e non di certo negli uffici cambi ufficiali, perdi ca. il 40%! Esiste anche un mercato nero per la strada, meglio diffidare, dice il nostro amico Emi. Le entrate nei vari parchi sono ragionevoli, mai più di fr. 15 per adulto e i minori di 12 sovente non pagano. Tuttavia la vacanza Argentina è assai onerosa per via del volo intercontinentale e dei lunghi spostamenti interni. Anche i buoni hotels sono accessibili ma non proprio a buon mercato, non sappiamo esattamente visto che abbiamo pagato un totale all’agenzia di Emi ma dai prospetti alberghieri a 4 stelle una doppia varia dai USD 150 a 200, indicativamente. La benzina, al cambio attuale, costa fr. 1.10 al litro e il noleggio di un auto fuori strada non è proprio regalato.

Le mie donne sono state splendide, hanno resistito fisicamente e psicologicamente in maniera esemplare. La vacanza è stata una sorta di prolungata settimana di resistenza e non mi sembra vero che le mie due trottoline hanno fatto tutto ciò. Nicole, oramai donnina di 17 anni, è sicura di se stessa ed apprezza sempre quello che le stiamo offrendo. Loli è oramai una compagna di viaggio collaudata, affidabile e piena di risorse, non posso davvero chiedere altro, ma questo già lo si sapeva.

Il momento più difficile: l’arrivo, la vigilia di Natale, al modesto albergo di Ushuaia, il momento più spettacolare: vedere le cascate d’Iguazu, lato Argentino, e fare il trakking sul Perito Moreno, il momento più tenero: vedere dopo la mezzanotte il faccino stravolto d’Elisa o ammirare con quanto amore Chiara accarezzava Cleopatra, il mitico lama di Purmamarca, il momento più triste: lasciare Loli ammalata tutta sola nella Cabanas, il momento più divertente: la gita a cavallo con la splendida famiglia locale.

La prima puntata di Milonec dream finisce qui, in questi giorni spero d’avervi reso un piacevole servizio ed allietato qualche scorcio di giornata, magari cupa. Spero anche d’aver comunicato, in fede allo scopo del sito, con parole ed immagini, parte delle mille emozioni argentine che hanno gonfiato e gonfieranno per sempre i nostri cuori!

Adiós amigos e muchas gracias Argentina!

Besos

Michele
Lorenza
Nicole
Elisa
Chiara

PS:
so che alcuni di voi ci hanno seguito senza postare commenti, vuoi perché non interessati a questa parte del progetto, vuoi perché un po timidi o vuoi perché un po a disagio con questo alternativo, ma certamente futuristico, metodo comunicativo. Benissimo! ma per meglio valutare la prima esperienza vi chiedo cortesemente di postare a fondo pagina di questo articolo un semplice numero che va dal 1 al 6, dove 6 esprime il miglior grado di soddisfazione ed 1 il peggiore. Ovviamente eventuali commenti, osservazioni o richieste sono moooooolto gradite. Ciaoooooooo !!!

Recent Posts
Showing 4 comments
  • Roberto Turganti
    Rispondi

    Complimenti team Milonecdream……è ricordati sempre ” va dove il cuore ti suggerisce”.
    Abbiamo vissuto con voi un viaggio ricco di immagini, commenti, suggestioni, emozioni e sentimenti che si sono stati descritti da Michi, in modo particolare, che non conoscevamo in questa sua veste! Certamente l’affiatamento del team ha spronato e dato la caricata e la fantasia che poi ci ha trasmesso nelle varie puntate del vostro peregrinare in questa magnifica regione del mondo a noi sconosciuta! Non vogliamo dare un giudizio numerico come ci chiedete per valutare quanto fatto con questa singolare iniziativa. A noi è piaciuta ed abbiamo apprezzato la semplicità e spontaneità del racconto di questa pagina della vostra vita…..
    Bravi a tutti!

  • Lorenzo Perucconi
    Rispondi

    Grazie Michi e a tutto il team! Un viaggio da 6 ;)!

  • Valentina Valvo
    Rispondi

    Bravi, bravissimi. Avete tutta la nostra ammirazione…

    Io scommetto sulla terra dei canguri!

    Un abbraccio e a presto da Roberto & family

  • Aronne Bizzari
    Rispondi

    Cara Lorenza e Miki + team di viaggio che penso di averli conosciuti quando erano piccini… Non ho parole per descrivere l’ammirazione che ho della vostra famiglia.
    Saper programmare la propria vita come diceva Miki è fondamentale.
    Vi auguro di cuore altre meravigliose esperienze che possano darci a noi poveri pensionati… altre emozioni nel leggervi.
    BRAVI ! E ancora complimenti per il sito “Milonecdream”
    Aronne e Sybille

Leave a Comment

Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Not readable? Change text. captcha txt

Start typing and press Enter to search